Crea sito

Raspberry Pi – Un mini PC a pochissimi euro

Ciao a tutti!

Sono sparito per un po’, scusatemi 🙂 , spero di farmi perdonare presentandovi questo, a mio avviso, fantastico mini computer che potrete utilizzare per gli scopi più disparati. Il Raspberry Pi !!!

 Raspberry Pi

Di cosa si tratta?

Il raspberry pi, o più semplicemente raspberry è quello che in gergo si chiama single board computer, in soldoni si tratta di un vero e proprio computer in cui i vari componenti, CPU, GPU, RAM ecc. sono integrati all’interno di un unica scheda elettronica.

Il progetto raspberry è mantenuto dalla raspberry pi foundation, un organizzazione di beneficenza inglese il cui scopo è quello di promuovere lo studio dell’informatica a livello scolastico. Per tanto questo dispositivo nasce come, computer a bassissimo costo sul quale muovere i primi passi nel mondo della programmazione in ambiente linux, in particolare la fondazione promuove lo studio della programmazione in Python, ovviamente anche altri linguaggi, tra cui il C sono perfettamente supportati.

Come è fatto?

Considerando le sue dimensioni, poco più di un pacchetto di chewing gum, e il costo veramente irrisorio (intorno ai 30 euro, per la versione B) l’hardware integrato nel raspberry pi non è affatto male:

  • esso monta un processore ARM a 700 Mhz facilmente overclockabile di qualche mhz (considerate che non è presente alcun meccanismo di raffreddamento di default, quindi andateci piano)
  • 512 MB di ram, 256 nel modello A condivisa con la GPU
  • 1 o 2 porte USB a seconda del modello
  • Presa HDMI
  • Presa Ethernet per il modello B
  • Slot scheda SD (indispensabile per lo storage)

trovate tutte le schede tecniche dettagliate ad su wikipedia.

Il sistema operativo non è preinstallato, lo dovrete precaricare su una scheda SD che collegherete poi al dispositivo seguendo la guida presente sul sito ufficiale.

Esistono diverse immagini preconfezionate per voi da installare sulla vostra scheda, quella consigliata dal team di sviluppo, soprattutto ai neofiti è una distribuzione linux basata su debian, adattata al raspberry di nome Raspbian OS.

Se siete temerari e volete provare qualcosa di diverso, trovate sempre sul sito ufficiale anche le immagini di Debian, Arch Linux e Risc OS. Esistono anche diverse guide per installare Android sul raspberry.

A sistema operativo caricato, e raspberry avviato, dopo una breve configurazione, quello che vi troverete davanti sarà un desktop linux perfettamente funzionante:

Raspberry Desktop

Bene, ma ora che ci faccio?

Questa è la stessa domanda che mi sono fatto, la prima volta che ho avuto a che fare con questo piccolo gioiellino… beh in realtà siete limitati dalla sola vostra fantasia, c’è chi lo usa per lo scopo per cui è stato creato, ovvero imparare a programmare, chi lo usa come media center per il proprio televisore usando raspbmc, chi lo usa per interagire con dispositivi elettronici, o anche con robot, o chi, come me, lo usa come un comodissimo server domestico.

Eccovi qualche video pescato da YouTube, con cui spero riusciate a farvi un idea di quello che potete fare col raspberry:

  • Media Center:

  • Un mini computer portatile:

  • Un robot:

Ovviamente questi sono esempi, io come vi ho detto prima, considerando il bassissimo costo del dispositivo, e i bassissimi consumi, considerando anche che il processore ARM del dispositivo, come ho notato in questi giorni, scalda veramente pochissimo,  ho deciso di collegarlo via ethernet al router di casa e via USB a un hard disk esterno per aumentarne le capacità di storage e lo uso come server domestico per la condivisione di file e stampanti tra tutti i computer in rete, per il download di torrent con transmission, e allo stesso tempo come piccolo webserver per l’hosting di servizi di vari servizi che mi possono essere utili fuori casa, ad esempio owncloud, un servizio molto simile a dropbox, che però può essere hostato su un proprio server, eliminando così i vincoli di spazio imposti dal vostro abbonamento.

Eccolo all’opera in un angolo della mia scrivania:

Raspberry Server

Come e dove acquistarlo?

è ovviamente possibile acquistare raspberry pi online, vi basterà fare una semplice ricerca su google, o appoggiarvi al sito ufficiale di raspberry.

Se siete, come me nei dintorni di Milano, vi consiglio invece un altro sito di alcuni ragazzi da cui ho comprato il raspberry quasi per caso, loro fanno taglio laser su diversi materiali, avevo ordinato un taglio per un progetto che sto realizzando con Arduino, di cui vi parlerò in un altro post, e andando a ritirare il mio ordine ho scoperto che vendono anche alcuni dispositivi elettronici, tra cui il raspberry e arduino:

eccovi il link: http://www.vectorealism.com/

Il prezzo oscilla tra i 20 e i 30 euro a seconda del modello di raspberry scelto.

Detto ciò, non mi resta che salutarvi…

ovviamente, come al solito se avete domande, dubbi o volete segnalare i vostri progetti realizzati con questo fantastico dispositivo, non esitate a commentare!

alla prossima!!!

No comments yet.

Lascia un commento

Powered by WordPress. Designed by WooThemes